mercoledì 2 novembre 2011

Spiritosaggini spiritosissime

(Scusate il silenzio stampa di due settimane. Ho avuto un bloggo della scrittrice, una moría di parole, una mente annoiata da fatti e discorsi molto poco interessanti quali: "Chi ha rubato il pacchetto dei miei twix?" o "Chi ha portato le caramelle gommose?" che hanno lasciato il mio cervello in stand by per qualche settimana. Ma ora il Bloggo è tornato. Mica vi lasciavo cosí. Dovrete pur perdere tempo in ufficio, no?)

Sono stata, con mio sommo dispiacere piacere, vittima di dialoghi intelligentissimi in queste settimane.
Sono circondata da gente sveglia, insomma, che legge molto, si tiene aggiornata sulle peripezie del mondo, parla con la gente, esce e si diverte, si ricorda tutto d'un tratto cose che avrebbe dovuto dirmi molto tempo fa.

Mi chiedo ogni giorno se mi prendono per il culo o se lo fanno sul serio. Non mi sono ancora data una risposta.
Per dimostrarvi che non sono io che voglio fare l'intellettualoide di questo cavolaccio, ma sono i dialoghi ad essere davvero da lacrime e suicidio con la carta igienica, ecco a voi i cervelli sopraffini con cui mi ritrovo a comunicare ultimamente.
Io, per facilitarvi le cose, sono quella che da risposte decenti e fa domande di un certo senso compiuto. (Spero che capiate la differenza. Magari sembrano tutte risposte e domande idiote.)

"Che film guardi, Costanza?"
"Notte brava a Las Vegas."
"Loro due si sposano a Las Vegas per sbaglio, vero? Un po' come Britney."
"Britney chi?" (io giá pensavo a una sua amica, Britney. Capite, io non vado a pensare a quella Britney.)
"Ma Costanza! Britney Spears! Ma dove vivi!" 
No, tesoro, ma dove stra cazzo vivi tu.

A questo dialogo non ho preso parte, sono stata silenziosa vittima della distruzione di un'intera popolazione in cinque secondi.
"Stiamo guardando Apocalypto. Parla dei Maya."
"Chi erano i Maya?" 
"I Maya erano tipo del Brasile. Si menavano con degli altri, lí vicino. Poi ora li trovi in Australia. Ho letto che un giorno ne hanno visto uno sul tetto di una casa. Rubava da mangiare!"
I Maya. In Australia. Sul tetto di una casa. Dal Brasile.
Voglio leggere il giornale che legge lei. Magari su quel giornale Berlusconi non è mai esistito.


"Hai sentito cos'è successo in Libia, hanno ucciso Gheddafi."
"No, non mi interessa. Tanto mica lo conoscevo io Gheddafi, non ha niente a che fare con me."
Ma infatti. Chissenefrega. Dove sono le mie caramelle?

"Ho visto il nuovo di Woody Allen ieri. Non mi ha fatto impazzire."
"TU GUARDI I FILM DI WOODY ALLEN? Io non guarderò mai un suo film. E' una persona orrenda, non guarderò mai e poi mai un film girato da una persona simile. E' un pervertito! Si è sposato con sua figlia adottiva e ha lasciato sua moglie!"
Chiamalo scemo.

"Costanza, vorrei provare a chattare con gli studenti della scuola. Proviamo. Scrivi a lui. Chiedigli se gli piace la scuola, perché studia con noi, cosa migliorerebbe."
Ciao studente, come stai, ti piace la scuola, come mai studi con noi?
E lo studente risponde: "NON SONO QUI PER FARE AMICIZIA." 
"Beh, direi che è andata bene!"
Anche secondo me.

A una festina di compleanno di una bimba di un anno.
"E tu, scommetto che sei la babysitter."
"Veramente no, signora."
"Ma dai! Avrei detto di sí!"
E perché signora, perché? Perché son giovane e single e senza figli?
Vista la sua faccia, avrei detto che lei era la nonna di quei due mostriciattoli di bambine, invece.


Questi due dialoghi li ho avuti con il vostro personaggio preferito, quello della festa dell'ufficio, quello che ha tre cani e un dog sitter, che sarebbe sua moglie.

"Sei molto carina in questi giorni. Sei rilassata, non è che hai un nuovo ragazzo?"
"Forse. Chi lo sa. Tu, hai sempre la solita moglie?"
"Ahahah, ma cosa dici, che moglie."

Lui è uno sveglio, e dopo quattro mesi che lavoro in questo posto, pensava ancora che io non avessi scoperto la verità.
Così all'happy hour dell'ufficio, dove lui da il meglio di se, parte questo dialogo esilarante:
"Costanza, volevo dirti una cosa... Io... sono sposato!"
"Lo sapevo."
"Come hai fatto a saperlo? Chi te l'ha detto? Mi spiace cosí tanto, avrei dovuto dirtelo."
"Eh, ciccio, lo sa tutto l'ufficio che sei sposato."
"E che ho tre bambini te l'hanno detto?" 
"Ahahah, ma cosa dici, che bambini! Non erano cani?"

Lui ovviamente non ha colto la sottigliezza. E mi ha detto: "No no, sono bambini."

Poi ditemi voi come faccio a trarre ispirazione per scrivere cose intelligenti da questi quattro deficienti.

19 commenti:

  1. non l'ho capita quella della nanny :S

    Al rogo la burina che ha infamato Allen :P

    RispondiElimina
  2. Il miglior momento per tenere a freno la lingua è quando senti che devi dire qualcosa per non scoppiare. Josh Billings

    Citazione più che appropriata...devi avere davvero tanta pazienza! Al lavoro mi sta capitando spesso di reagire... male... veramente male... alle... BIIIIP... che sento!

    Un saluto

    RispondiElimina
  3. ah,pero' ,che esseri intelligenti frequenti!Beh,certo,dove siano le caramelle è piu' interessante che sapere che Gheddafi è schiattato!Per carità,qua in Italia sdiamo messi parecchio male,ma nella terra d'Albione non è che i cervelli brillino poi così tanto!J ballerina

    RispondiElimina
  4. rieccoti! nell'attesa stavo leggendo tutti i tuoi vecchi post..."you're a fucking genius";D
    e.

    RispondiElimina
  5. "I Maya. In Australia. Sul tetto di una casa. Dal Brasile." e che rubavano da mangiare!!! Ahahahah sto morendo!

    RispondiElimina
  6. È bello sapere che non sono solo.

    RispondiElimina
  7. Porina amò. Stay strong.
    Io sto raccogliende le email del mio collega/capo/cicisbeo del presidente che scrive in un inglese imbarazzante. Cose che io mi sento madrelingua al confronto.
    La sua espressione più usata è 'we are going true it'.

    RispondiElimina
  8. Se vi può consolare, qualche anno fa in ufficio, mentre leggevo il quotidiano online, una mia collega mi ha chiesto: "Ma non hai paura che, leggendo tutte queste cose, ti entrino strane idee in testa?". Ma che è, il Medioevo? La Santa Inquisizione? Io allibisco...

    RispondiElimina
  9. Senti, ti proibisco di scrivere post del genere da ora in poi!

    E' tutta la mattina che rido come uno scemo e non riesco a combinare nulla a causa tua!!!

    ;)

    RispondiElimina
  10. No, vabbè...con la cretina di Woody Allen facci un falò!

    RispondiElimina
  11. @Emy: manco io l'ho capita quella della babysitter. Probabilmente la signora ha visto una giovincella senza figli e mi ha associata ad una nanny. Bah.

    @Cristina: non puoi capire la mia faccia quando ha detto che Allen e' un pervertito e blablabla... Io cercavo di interromperla ma lei niente, alla fine ha finito il suo monologo da sola. Io avevo le cuffie nelle orecchie e lei manco se n'e' accorta. Una sveglia.

    @E., @Francesca e @Rez: GRAZIE! :)

    @Jessie: alla faccia della fuga dei cervelli, no? Vedi che sono in fuga anche da qui :D

    @Zit: ti prego. Voglio leggerlo. Posso? Possiamo scrivere cattiverie a 4 mani su di lui?!

    @Ale: sono con te. Veramente. E @Volevofare... comincio a chiedermi se e' la vita da ufficio che rincoglionisce.

    Seriamente, voi cosa ne pensate? Non e' che e' stare li' a ticchettare 8 ore su un pc che rende cretini, cerebrolesi?!

    RispondiElimina
  12. Tutto vero. Anche io avrei un sacco di spiritosaggini spiritosissime da raccontare sui miei colleghi (tutti inglesi). Ma 1. ho paura che qualcuno sappia l'italiano o perlomeno usare Google Translate. 2. Magari se tra vent'anni torno in Italia e cerco un lavoro e quelli dell'GR fanno una googlata magari ehm, non gli fara' piacere. Insomma, il mio problema e' la paura di Google ;)

    RispondiElimina
  13. Sorry, intendevo HR non GR. Ticchettare 8 ore sul PC ci rende cerebrolesi, definitely.

    RispondiElimina
  14. Ah, anonimo... Io sono spacciata. Metti il mio nome su google... Ma sono scelte. Chi assume laCocchi, assume tutto il pacchetto :D
    (E comunque sia maledetto google translate. Sia maledetto!)

    RispondiElimina
  15. Ma nel tu caso potrebbe non essere un problema. Secondo me tra un po' di anni tu "farai la scrittrice" come ti dicevano da piccola, e non avrai bisogno di fare noiosi colloqui ed essere sottoposta a screening dall'HR per poi fare lavori d'ufficio very dull in cui bisogna essere "a good team player" e stronzate varie. Io invece si', ahime'. Continua a farci sorridere col blog, crearti il "personaggio"(o il pacchetto come hai detto tu), ti tornera' utile quando ti prenderai il lavoro dei tuoi sogni!

    RispondiElimina
  16. Ahhahaha bellissimo post! E' la prima volta che approdo qui, mi piace ;)

    RispondiElimina
  17. "Sei molto carina in questi giorni. Sei rilassata, non é che hai un nuovo ragazzo?"
    "Forse. Chi lo sa. Tu, hai sempre la solita moglie?"
    "Ahahah, ma cosa dici, che moglie."

    AHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHA

    TI AMO

    RispondiElimina
  18. Certo che per trovarti a lavorare in mezzo a gente del genere tanto valeva che te ne restavi in italy.

    Comunque sei favolosa e io ti sposerei subito (PS non ho cani da curare, ne bambini)

    RispondiElimina
  19. @Anonimo: speriamo di riuscire a fare la scrittrice, speriamo! Grazie :)

    @Kali: benvenutaaa! Grazie!

    @X: muah!!!!!!

    @Faustinho: é che i cervelli svegli non lavorano con me. Forse. Che ne so :D <3

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualche cosa?